Comunicato delle case editrici dopo l’autoriduzione al Pisa Book Festival

La lettura, i libri, la cultura non hanno bisogno di selezionare i loro lettori. L’unica selezione possibile è quella che passa per i gusti letterari, per la molteplicità delle conoscenze, per le scelte editoriali.

L’editoria indipendente vive e può vivere solo attraverso il rapporto diretto, faticoso, certosino, appassionato che riesce a costruire con i propri autori e il proprio pubblico, proprio perché viene tenuta ai margini di meccanismi fagocitanti della grande distribuzione libraria che oggi rischia di detenere il monopolio dell’editoria.

Prima che essere un evento locale, il Pisa Book Festival interpreta esattamente questa priorità. Gli editori indipendenti che sono oggi qui credono che l’impegno degli organizzatori dell’evento, delle istituzioni e degli sponsor sia quello di preservare lo spirito con cui questo evento, lodevolmente, è nato. La protesta che oggi gli studenti hanno messo in atto durante la manifestazione è, a nostro avviso, più che comprensibile. I giovani, gli studenti, rappresentano il nostro più interessante pubblico potenziale. Ci uniamo alla loro richiesta di prevedere una convenzione che consenta loro l’ingresso gratuito alla manifestazione.

Riteniamo inoltre che gli editori non possano essere soltanto i detentori di uno stand o venditori a buon mercato, ma utili collaboratori per la riuscita di un evento e del suo programma.

Prendiamo atto, e siamo allarmati, del taglio ulteriore di finanziamenti all’evento.

Crediamo però che questa lacuna, in tempi di crisi, non debba ricadere sull’anello più debole degli utenti, ma debba ricevere le opportune risposte delle istituzioni e dei soggetti che in questa città vogliono ancora sostenere la cultura.

Firmatari:

Il Foglio letterario Edizioni

Edizioni Clichy

BFS Edizioni

Round Robin Editrice

Editrice Missionaria Italiana

Eleuthera Editrice

La nuova Frontiera

Scienza Express Edizioni

Exorma

Matithyah

Cut-up Edizioni

Creativa-Dissensi Edizioni

Transeuropa Edizioni

Edizioni ETS

L’Orma Editore

Stampa Alternativa – Nuovi Equilibri

Edizioni Clandestine

O barra O Edizioni

Giovane Holden Edizioni

Voland

Nottetempo

Quodlibet

66thand2nd

Lantana Editore

Pisa University Press

Zambon

Il Margine

Marco Saia Edizioni

Homo scrivens

Marco Del Bucchia Editore

Edizioni Saecula

Mimesis Edizioni

Terra Nuova Edizioni

Tsunami Edizioni

Ibis

Xenia

Arpeggio libero Edizioni

Odoya/Meridiano Zero

Fefè Editore

Hop! Edizioni

La Linea

Valigie Rosse

Massari Editore

Ouverture Edizioni

Del Vecchio Editore

Poiesis Editrice

Editpress

Edizioni Effigi

Bel-Ami Edizioni

Bibliofabbrica

Iperborea

Gran vìa

Miraggi Edizioni

Manni

Eclettica Edizioni

Edizioni dell’ Urogallo

Onirica Edizioni

Nutrimenti Editore

ISBN editore

VerbaVolant

This entry was posted in Comunicati. Bookmark the permalink.

2 Responses to Comunicato delle case editrici dopo l’autoriduzione al Pisa Book Festival

  1. Pingback: Comunicato stampa degli editori del Pisa Book Festival | Cobaspisa.it

  2. Pingback: Comunicato delle case editrici dopo l’autoriduzione al Pisa Book Festival | Cobaspisa.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *